Ogni giorno recuperiamo eccedenze alimentari da molteplici donatori, riducendo lo spreco e dando agli alimenti ancora buoni nuovo valore.

UE

Le organizzazioni della Rete Banco Alimentare sono accreditate presso l'AGEA (Agenzia per le Erogazioni in Agricoltura) e usufruiscono pertanto della donazione di derrate alimentari destinate agli indigenti dal Fondo di aiuti europei agli indigenti (FEAD).

 

Recupero da GDO

Attraverso il programma Siticibo

Siticibo è la prima applicazione italiana della Legge del Buon Samaritano (155/2003) e ha lo scopo di recuperare il cibo cotto e fresco in eccedenza.

Grazie ai rapporti sempre più collaborativi che si sono attivati con le catene della Grande Distribuzione e al credito che la Rete Banco Alimentare si è conquistata nel corso di anni, è stato possibile avviare con alcune di esse il recupero giornaliero di prodotti.

Recupero da Industria Alimentare

È dalle aziende alimentari che Banco Alimentare ha cominciato a ricevere le prime donazioni di prodotti alimentari all'inizio della sua attività. Attualmente sono circa 700 le aziende fornitrici delle loro eccedenze e sono generalmente imprese di grandi dimensioni, per lo più produttori.

Recupero da ristorazione

Attraverso il programma Siticibo

Siticibo è la prima applicazione italiana della Legge del Buon Samaritano (155/2003) e ha lo scopo di recuperare il cibo cotto e fresco in eccedenza.

Grazie all'accresciuta sensibilità anche nel settore della ristorazione commerciale collettiva recuperiamo cibo cotto da hotel, mense aziendali e ospedaliere, refettori scolastici, esercizi al dettaglio: alimenti preziosi dal punto di vista nutrizionale per chi li riceve.

Raccolta da Collette Alimentari

Ogni anno vengono organizzate numerose Collette Alimentari, a cominciare dalla Giornata Nazionale della Colletta Alimentare e passando per le Collette organizzate nelle aziende che ci sostengono.