La colletta è questo: un incontro!

Per AZAS e Santa Monica l'occasione della Colletta Alimentare è diventata da qualche anno un modo per "seminare" l'amore per il dono gratuito del proprio entusiasmo, anche tra i giovanissimi del catechismo. Quest'anno Marilena, una delle nostre catechiste - ci dice Pier Paolo di AZAS - ha inviato questo messaggio ai genitori dei suoi bimbi di 3a elementare che hanno partecipato alla Colletta con serietà e tanto entusiasmo:

 

"Giovedì scorso Daniele Mencarelli, alla presentazione del suo bellissimo libro ("la casa degli sguardi" che vi consiglio molto) diceva che L'INCONTRO È SEMPRE A DUE. E ieri per me e Katia, credo anche per i genitori presenti, è stato evidente. 

 

I bambini hanno letteralmente incontrato e accolto le persone con il loro meraviglioso sorriso e le persone hanno incontrato loro. Per i bambini, senza tanti preconcetti, è stato semplice stare a quanto gli abbiamo detto: "siamo qui per donare un sorriso alle persone che incontriamo, anche se arrabbiate o tristi, e a loro chiediamo senza pretendere, perché la libertà è preziosa per tutti".

 

Bene, ho visto almeno 3 persone dopo aver rifiutato, anche in malo modo la busta... tornare indietro e prenderla solo perché i bimbi avevano continuato a sorridergli nonostante la loro brusca reazione. Una signora è arrivata con volto duro, molto provato, non ha preso la busta, ma all'uscita ha ringraziato per il sorriso ricevuto e contagioso, difatti il suo volto era cambiato. 

Questa è la Giornata della Colletta Nazionale del banco alimentare: un INCONTRO tra persone. 

Come lo è stato all'inizio, la nascita del Banco Alimentare è nata infatti dall'incontro tra due grandi persone.

 

Poi tranquilli.... Tra un sorriso e l'altro abbiamo anche raccolto e inscatolato!

Grazie di cuore per queste ore indimenticabili sul serio.

Esperienza che senza dubbio rifaremo il prossimo anno, speriamo con anche i bimbi che ieri non son potuti venire.

Non si poteva iniziare il periodo d'Avvento in un modo migliore!

 

Marilena"

Tags: Le storie