Doppio appuntamento per il Banco Alimentare dell'Emilia Romagna a Ravenna!

Esiste una definizione condivisa di volontariato d’impresa: “un progetto in cui l’impresa incoraggia, supporta o organizza la partecipazione attiva e concreta del proprio personale alla vi

Per molti aspetti ci stiamo preparando già da mesi, ma il 7 ottobre in Emilia Romagna abbiamo dato il via ufficialmente al lavoro per l’edizione 2019 della Giornat

Ogni anno, in occasione del compleanno del Banco Alimentare dell'Emilia Romagna (il 18 settembre, per l'esattezza), siamo soliti riunire volontari e dipendenti. 

Questa volta ci siamo trovati anche per altri due motivi molto importanti.

Le notizie

Come di consueto, desideriamo condividere i risultati raggiunti dalla nostra attività nel corso dell'anno precedente.

E così... tre giorni di festeggiamenti sono volati!

Ripensandoci, a una settimana di distanza, siamo ancora carichi di emozioni: per le testimonianze ascoltate, per gli amici incontrati, per i ricordi condivisi e per le persone conosciute.

Il grande tour per festeggiare i 30 anni di attività del Banco Alimentare sta per arrivare!

I rapporti crescono poco per volta. La novità arriva quando da una donazione si giunge alla voglia di far conoscere ad altri l’esperienza incontrata.

Le notizie

In occasione della Milano Design Week, i mondi della fotografia, del gusto e del design si sono incontrati, dando vita a Food For Thought: una mostra fotografica benefica realizzata da FEBAL CASA in collaborazione con Zest | Food Photog

Le notizie

Anche quest’anno il Museo Internazionale delle Ceramiche (MIC) di Faenza ha accolto il meglio della produzione vinicola della Romagna per l’edizione 2019 di “Vini ad Arte”.

Cosa posso fare io per aiutare il Banco?” Paride Farolfi, proprietario dell’azienda Data System di Castel Bolognese, si era presentato negli uffici del Banco Alimentare dell’Emilia Romagna con questa domanda.

Pagine

Editoriale

Quando ho cominciato questa avventura come volontario in Fondazione non avrei potuto certo immaginare di ritrovarmi addosso una responsabilità così grande, che certamente mi onora ma di fronte alla quale mi sento “piccolo, piccolo”.