Le notizie

L’11 maggio la consegna del ricavato della corsa non competitiva “Scatta alle Cascine” a Banco Alimentare della Toscana per sostenere le sue attività di recupero e donazione di eccedenze alimentari sul territorio.

La Legge di Bilancio 2018 ha esteso il raggio di azione della Legge 166/2016, nota anche come “Legge Gadda”, con due emendamenti che allargano il paniere di prodotti che si possono donare per finalità sociali, semplificando alcune procedure ed estendendo le agevolazioni fiscali.

Le notizie

Myra è venuta a trovarci negli uffici di Via Legnone. Ha gli occhi chiari che sbucano sopra la mascherina e che sprizzano energia. Quella stessa energia che ci è voluta per affrontare 5.000 km, pedalando attraverso l’Italia sulla sua cargo-bike. Il suo viaggio era stato pianificato all’inizio del 2019 e doveva toccare vari paesi europei, poi è arrivato il Covid che ha cambiato orizzonte e prospettiva delle nostre vite. Continua a leggere...

Le storie

A Marcello che opera come volontario al Banco Alimentare della Liguria, come agli oltre 1.800 volontari presso i 21 Banchi Alimentari territoriali va il nostro GRAZIE!

Le storie
di Fabrizio, Concorezzo

Non solo in 13mila supermercati italiani. Tra le 8.200 tonnellate raccolte dai volontari Banco alimentare nella giornata della Colletta c'erano anche le "scatolette" donate da tanti detenuti. Come è accaduto a Opera, alle porte di Milano.

Le notizie

È dalle aziende di produzione, trasformazione e distribuzione che, ormai trent'anni fa, noi di Banco Alimentare abbiamo cominciato ad effettuare recuperi di prodotti alimentari. E non solo: dobbiamo la nostra origine all’intuizione di un imprenditore dell’alimentare, Danillo Fossati patron della STAR e al suo incontro con Don Giussani che diede la spinta definitiva a questa esperienza. Le aziende: un tesoro prezioso per noi. Anche e soprattutto in un anno complicato come quello passato. Nel 2020, infatti, abbiamo registrato sia una crescita del bisogno come conseguenza della pandemia, sia un aumento della sensibilità e del desiderio di collaborare delle aziende. Attualmente sono circa 1.600 le aziende donatrici di eccedenze a Banco Alimentare, aumentate di circa il 40% nel 2020.

Le storie

Il Banco Alimentare del Friuli Venezia Giulia può contare da molto tempo sull'aiuto di volontari "storici", che da ormai più di venti anni fanno un fedele e costante servizio.

Le storie
di Enrico, Bologna

Tante famiglie bisognose, la possibilità di aiutarle ma pochi volontari. Perché non chiedere una mano a chi viene assistito? Alla vigilia di un nuovo appuntamento con la Colletta alimentare, ecco perché fare un gesto di carità è un'occasione per chiunque

Le notizie

L’avvio del Progetto di Servizio Civile Universale “Alimentiamo Speranze” – cod. progetto: PTXSU0020220012413NMXX è previsto in data 25 marzo 2021. I colloqui per le selezioni per le diverse sedi Banco Alimentare coinvolte nel Progetto (Milano, Imola, Pesaro, San Benedetto del Tronto, Firenze e Trento) si terranno nelle giornate di giovedì 4 marzo e venerdì 5 marzo 2021, in modalità online. Ciascun candidato verrà contatto via email, ed al più presto verranno pubblicate su questo sito, le liste con gli orari di convocazione ai colloqui.

Le notizie

MILANO FOOD CITY: #PIUSIAMOPIUDONIAMO. RACCOLTE PIÙ DI 15 TONNELLATE DI CIBO NEL SEGNO DELLA SOLIDARIETÀ                                

 

Doppiato il risultato della prima edizione. Tajani: ”Manifestazione vincente che promuove una nuova cultura alimentare”

Le storie
di Silvia, Roma

Un gruppo di cristiani copti egiziani è destinatario degli aiuti del Banco alimentare. Alcuni di loro, da tre anni, aiutano per la giornata di raccolta. È accaduto anche quest'anno, nell'androne della Stazione Prenestina, "magazzino"per un giorno.

Le notizie

Marta, 38 anni, vive in una roulotte con le due figlie di 5 e 10 anni. Dopo 7 anni a Malta, a gennaio 2020 è tornata in Italia, senza lavoro e senza prospettive, con la miccia della pandemia pronta a esplodere. Oggi, il sorriso sotto la mascherina, fa la volontaria nella Chiesa Evangelica Battista di Moncalieri, dove ha ricevuto prima il sostegno alimentare, poi l’aiuto per ripartire.

Pagine

Editoriale

Quando ho cominciato questa avventura come volontario in Fondazione non avrei potuto certo immaginare di ritrovarmi addosso una responsabilità così grande, che certamente mi onora ma di fronte alla quale mi sento “piccolo, piccolo”.