164 SORRISI DA BANCA REALE

Banca Reale, in occasione del Natale, insieme al Banco Alimentare del Piemonte, promuove un progetto di concreta solidarietà, devolvendo la tradizionale strenna natalizia destinata ai suoi 164 dipendenti alle persone più fragili e sole

Al termine di un anno particolarmente difficile che ha trasformato la nostra normalità e generato impatti rilevanti sulle famiglie appartenenti alle fasce più fragili, Banca Reale promuove, in collaborazione con il Banco Alimentare del Piemonte, l’iniziativa: 164 Sorrisi da Banca Reale. Un progetto in linea con il principio mutualistico che è alla base della strategia di sviluppo sostenibile e inclusivo di Reale Group, nato dal desiderio di dedicare, in occasione delle prossime festività, un pensiero speciale alle persone che vivono situazioni di disagio, in particolare agli anziani soli.

L’iniziativa intende trasformare la tradizionale strenna natalizia destinata ai 164 dipendenti di Banca Reale in un cesto natalizio contenente beni alimentari, da donare ad altrettanti 164 anziani dei quartieri popolari della Città di Torino. Il Banco Alimentare Piemonte si occuperà di confezionarli e distribuirli, rivolgendosi al proprio bacino di utenza. La donazione vuole essere un gesto concreto di attenzione e vicinanza, in un momento in cui le fragilità vengono ulteriormente intensificate dalla pandemia.
 

“Guidati dal principio di mutualità e forti dei valori fondanti del nostro modo di fare impresa, abbiamo pensato di sostituire la tradizionale strenna natalizia con una donazione, a nome di ciascun dipendente della nostra Banca, che auspichiamo possa contribuire ad alleviare il disagio di alcune persone che si trovano in grande difficoltà - ha dichiarato Massimo Luviè, Direttore Generale di Banca Reale. –Questo non sarà probabilmente un Natale come gli altri, ma grazie a partner di eccellenza come il Banco Alimentare Piemonte potrà essere comunque un Natale di vicinanza e solidarietà”. 

“In questo contesto in cui l'emergenza ha cambiato il nostro modo di stare insieme, la solitudine e l'isolamento pesano ancora di più, in particolare sulle persone anziane - ha dichiarato Salvatore Collarino, Presidente Banco Alimentare del Piemonte. – Con questa iniziativa, insieme a Banca Reale vogliamo essere, quindi, ancora una volta vicini, in un momento in cui vicini non si può stare, a chi è solo: con un dono concreto, reale! 164 pacchi natalizi che consegneremo, nei prossimi giorni, agli anziani soli e in difficoltà di alcuni quartieri poveri della nostra città. Un gesto di fratellanza, condivisione e reciprocità: perché unisce, con un filo invisibile, persone lontane e sconosciute, nella grande catena della solidarietà”. 

 

Per informazioni
comunicazione@piemonte.bancoalimentare.it
 

Tags: Le storie