Le notizie

Questo è il nostro Bilancio Sociale, un bilancio accurato che ci ha visto dedicare molta attenzione non solo ai numeri ma anche, e soprattutto, alle centinaia di persone che sono dietro a questi numeri.

Le notizie

Il Presidente del Banco Alimentare della Toscana, Leonardo Carrai, rilascia una bellissima intervista telefonica, invitando tutti a Palazzo Vecchio, nel Salone dei 500 a Firenze, per un incontro speciale con tutti i grandi #compagnidibanco che ci hanno accompagna

Le notizie

Scatta alle Cascine e Walking Day: ancora una volta tanti amici scelgono di godersi Firenze e lo fanno aiutandoci nel nostro impegno quotidiano.

Grazie a tutti, eravate bellissimi! Ci vediamo il prossimo anno!

Le notizie

I #compagnidibanco della Toscana vi aspettano sabato 15 giugno a Firenze, al Salone dei 500 di Palazzo Vecchio.

Per festeggiare insieme un compleanno davvero speciale: i 30 anni di Banco Alimentare in Italia!

Le notizie

Rispettare se stessi, rispettare gli altri, rispettare la vita.

È questo l'obiettivo che si pone il progetto Ausilium realizzato da Movimento per la Vita Cav Grosseto in collaborazione con Banco Alimentare.

Le notizie

Consegna ufficiale e soprattutto messa in pratica di quanto raccolto con Scatta alle Cascine.

Le notizie

L’11 maggio la consegna del ricavato della corsa non competitiva “Scatta alle Cascine” a Banco Alimentare della Toscana per sostenere le sue attività di recupero e donazione di eccedenze alimentari sul territorio.

L'Associazione Banco Alimentare della Toscana Onlus ha partecipato con successo al Bando regionale per i progetti rivolti ai giovani per il Servizio Civile Regionale.

L'Associazione Banco Alimentare della Toscana Onlus ha partecipato con successo al Bando regionale per i progetti rivolti ai giovani per il Servizio Civile Regionale.
 

Pagine

Editoriale

Il Banco Alimentare in Italia ha unito dal primo giorno le sue forze a quelle di tutti i Banchi aderenti alla Federazione Europea dei Banchi Alimentari – FEBA (https://www.eurofoodbank.org/), per  far fronte comune alle crescenti necessità conseguenti alla guerra in Ucraina e, in particolare, a quelle dei profughi che stanno lasciando il Paese.